Via Campo sportivo 54
16040 (GE) ITALY
T: +39 (0)185 337525
F: +39 (0)185 337620
Menu
cilindri

Cilindri e tensionatori per tesatura barre Dywidag e Macalloy

Cilindri e tensionatori prodotti da FPT, adatti per la tesatura in opera di barre specificamente studiate per impieghi civili.

Cilindri oleodinamici ad alta pressione adatti per applicazioni dove è necessario operare in spazi ridotti. E’ disponibile la gamma FPT di tensionatori idraulici che consentono di ridurre al minimo interassi di installazione.

Le barre “Dywidag” corrispondono alle barre con più alti valori di resistenza (tensione di snervamento fp0,1k= 950 N/mm2, tensione di rottura fpk= 1050 N/mm2), oltre a tali barre esistono altre classi di barre con resistenze minori che coprono impieghi diversi, le maggiormente diffuse sono:

– Barre B500 (corrispondente alla dicitura commerciale DSI “Gewi”): tensione di snervamento fp0,2k= 500 N/mm2, tensione di rottura fpk= 550 N/mm2
– Barre S670 (corrispondente alla dicitura commerciale DSI “Gewi Plus”): tensione di snervamento fp0,2k= 670 N/mm2, tensione di rottura fpk= 800 N/mm2
– Barre per casseri: tensione di snervamento fp0,2k= da 750 a 950 N/mm2, tensione di rottura fpk= da 875 a 1100 N/mm2

Scarica il documento con la procedura di installazione del tensionatore idraulico FPT per la tesatura delle barre Dywidag >>

 

I prodotti appena descritti sono barre a filettatura continua, prodotte per laminazione a caldo. Il filetto ha un ampiezza tale da consentire di essere avvitate in tutte le condizioni di impiego soprattutto in presenza di sporco o danneggiamento meccanico dei denti.

Il filetto, realizzato durante il processo di laminazione, non interessa tutta la circonferenza della barra, ma solamente due settori diametralmente opposti come si può chiaramente vedere dal disegno di seguito riportato. Un limite del filetto è la necessità di tensionare le barre, mettendole in trazione per poi serrare i dadi di ancoraggio.

E’ possibile tesare anche impiegando chiavi dinamometriche (manuali o idrauliche) ma le perdite dovute ad attriti del sistema (attrito tra il filetto della barra e quello del dado) e gli elevati sforzi di torsioni che vanno ad agire sulla barra (parte della coppia applicata a causa dei mutui attriti tra barra e dado viene trasferita come torsione alla barra anziché come trazione sulla stessa) ne sconsigliano l’uso quando si vogliano ottenere valori di serraggio in linea con le normali richieste tecniche (siano esse impieghi geotecnici che strutturali).

Galleria Applicazioni